Strategie…e cassetta degli attrezzi!

Stamattina, dopo vari giorni di avvisaglie del tipo ora funziono ora non funziono, la caldaia ha deciso di fermarsi e di esercitare il potere di non farmi fare la mia amata doccia calda mattutina. Così, alle 6.30 del mattino sono uscita sul terrazzo dove è collocata, in accappatoio, perché nel frattempo avevo fatto svariati tentativi fiduciosa che prima o poi per una qualche magia l’acqua calda sarebbe arrivata. L’ho guardata per alcuni minuti come se volessi parlarle, come se avesse un’anima, ricordandomi la spiegazione del  colore viola delle Dinamiche a Spirale, che ovviamente non ha niente a che fare con la mia caldaia ma con la relazione e il rivolgersi a qualcosa di Superiore, a una volontà superiore, che sia la Tribù, gli Anziani, Dio e via dicendo…fino ad arrivare a una presunta anima in una caldaia! Un po’ come non ti funziona la macchina o si impalla il computer e tu inizi a parlarci! Ecco…stamattina alle 6.30 io parlavo con la mia caldaia per capire per quale diavolo di motivo non voleva accendersi! Poi…improvvisamente mi si è accesa la lampadina! Forse…devo verificare che il filtro aggiuntivo che mi ha montato l’idraulico non sia intasato dal calcare. Piccolo problema…non mi ricordavo minimamente come si facesse a farlo. L’unica cosa di cui ero certa era che dovevo chiudere il rubinetto dell’acqua calda. Ho aperto la cassetta degli attrezzi dove ho preso una tenaglia e ho cominciato a svitare l’unica cosa che dava segni di movimento dopo averne provate diverse. E…con un po’ di pazienza…vari quarti di giro…finalmente si è aperto il tubo e la parte sottostante era piena di calcare. Malgrado il filtro…ma l’acqua di Roma, si sa, è tanto buona quanto super super piena di calcare! In realtà mi ricordo che l’Idraulico puliva il filtro facendolo cadere il calcare, mentre la parte che sono riuscita ad aprire mi consentiva di svuotarlo con un bastoncino o con il retro di un cucchiaino fino a dove non faceva una piccola curva a gomito oltre la quale ho potuto pulire grazie a un altro attrezzo non deputato all’uso, una brugola, mi sembra che si chiamino così quella specie di chiavi ad angolo per avvitare le maniglie delle porte…così l’ho pulito…primo risultato raggiunto! Si è presentato il secondo problemino da risolvere…richiudere il tutto e la tenaglia non dava lo stesso risultato di prima. Anche qui….dopo vari tentativi non andati a buon fine…ho pensato che dovevo togliere il “filo” di silicone intorno alla parte da avvitare (mi sono resa conto dopo che era un grossolano errore!). Dovevo fare qualcos’altro per riavvitare questo tubo…ho riaperto la cassetta degli attrezzi e ho cominciato a cercare una chiave inglese della dimensione giusta…una volta trovata…di nuovo con un po’ di pazienza…vari tentativi e infiniti quarti di giro, ho provato a riaprire il rubinetto dell’acqua e il tubo ne perdeva un bel po’ e lì ho capito che avevo fatto una stupidaggine a togliere il silicone che sapientemente il mio idraulico aveva messo. Allora, ho risvitato il tubo,  ripreso il “filo” di silicone e accuratamente l’ho riavvolto per poi riavvitare con la chiave inglese, con i quarti di giro e, giuro, con tanta pazienza il tubo. Risultato? Per prima cosa ho potuto farmi la doccia calda e mi sono chiesta cosa ho imparato guardando questa piccola e banale esperienza del vivere quotidiano come una nuova lezione e/o, semplicemente, una lezione da ricordare per me, come persona, come donna, come mamma e per i miei clienti come Coach e Trainer:

  • che posso fermarmi di fronte a un problema, difficoltà, ostacolo, facendomi domande, cercando risposte, aspettando che emerga e arrivi  l’ispirazione…la lampadina…l’intuizione…
  • che anche se non ricordo o non so specificatamente il modo più corretto per fare le cose posso arrivarci connettendo i neuroni
  • che se non funzionano i primi tentativi posso scegliere tra arrendermi e incazzarmi da una parte e cambiare strategia e rifare tentativi dall’altra
  • che un attrezzo che va bene per una cosa può non andar bene per un’altra
  • che più attrezzi e possibilità di scelta ho, più ho possibilità di ottenere il risultato
  • che posso apprezzare ogni piccola e banale cosa del vivere quotidiano con grande gratitudine cominciando proprio…da una semplice doccia calda!

Grazie e buone piccole cose!

🙂 Emanuela

Annunci

Informazioni su emanuelamazza

Emanuela Mazza, mamma di 4 figli. NLP Trainer certificata dalla NLP University Santa Cruz da Robert Dilts e NLP Coach certificato dalla Society of NLP si è formata con il co-fondatore della PNL: Richard Bandler, e con formatori di fama internazionale tra cui: John La Valle, Anthony Robbins, Owen Fitzpatrick, Philip Holt, Robert Dilts e Judith De Lozier. Autrice del libro autobiografico Quando ti svegli. Storia di un trapianto di fegato (Armando Editore). Ha un’esperienza pluriennale in diversi settori della comunicazione: radio, carta stampata, pubblicità , produzione di audiovisivi , dove si è occupata di gestione e coordinamento di progetti di comunicazione a 360 gradi in Agenzie di Pubblicità Internazionali, in RAI, Publitalia e Mediaset. Presidente dell’Associazione Amici del Trapianto di Fegato. Ha ricoperto un ruolo direttivo e organizzativo nello startup della FIRE Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia è responsabile del Centro Studi sulla Comunicazione Medico-Paziente di Extraordinary. È docente in corsi per medici sulla comunicazione efficace all’Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Medicina e Chirurgia, al Centro Nazionale Trapianti e in corsi di formazione per insegnanti con l’Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Roma. Coach agli Stage del Tour Music Fest presso il C.E.T. Centro Europeo Toscolano di Mogol.
Questa voce è stata pubblicata in Emanuela Mazza e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...